17 novembre 2014

Proposizione soggettiva - scheda

La proposizione soggettiva è una proposizione subordinata che svolge la funzione di soggetto rispetto al predicato della proposizione reggente.

Dal momento che il procedimento tradizionale per la classificazione delle subordinate consiste nel ricondurre la struttura del periodo a quella della frase semplice, nel caso della soggettiva ci troviamo di fronte a questa situazione:

Mi sembra un sogno → Mi sembra di sognare


Può avere forma esplicita

Conviene che ti dica di ieri


È meglio che tu parta oggi


o implicita

Mi pare di aver capito


È ora di partire


Generalmente la proposizione soggettiva dipende da:

1. Forme verbali impersonali come sembra, pare, risulta, appare (accompagnate o meno da un aggettivo in funzione predicativa).

Sembra che la festa sia stata un successo


Parve opportuno rimandare la festa


2. Forme verbali impersonali come accade, avviene, capita, bisogna, mi va, occorre, dispiace, basta, importa, interessa, stupisce, secca, tocca etc.

Non mi va di dormire


Bisogna dormire a sufficienza


Bastava che partisse un po’ prima


Mi secca studiare chimica


Tocca a me partire per la guerra


3. Forme verbali costruite con il si passivante come si dice, si suppone, si teme, si spera etc.

Si dice che abbia pianto


Si teme che voglia dimettersi


Si spera che tutto vada bene


4. Locuzioni impersonali formate dal verbo essere accompagnato da un aggettivo o un avverbio in funzione predicativa come è facile, è giusto, è bello, è necessario, è possibile, è bene, è male, è meglio etc.

È facile dire così


È giusto che sia partito un po’ prima


È necessario studiare chimica


È meglio restare a casa


5. Locuzioni fomate dal verbo essere accompagnato da un sostantivo come è il caso, è un guaio, è un peccato, è una fortuna, è una vergogna, è ora etc.

È ora di alzarsi


È il caso di comprare un nuovo computer


È un guaio che il computer si sia rotto


È una vergogna che sia accaduto ciò


Nella forma implicita ha il verbo all’infinito, con o senza la preposizione di.

Nella forma esplicita è introdotta dalla congiunzione subordinativa che (che può essere omessa quando la soggettiva ha il verbo al congiuntivo) e ha il verbo al modo:

A) indicativo con i verbi che esprimono una certezza, una constatazione oggettiva

Il guaio è che non si accende bene


Si sa che Luigi mangia molte mele


B) congiuntivo con i verbi impersonali dell’apparenza, con quelli che indicano necessità o convenienza e con quelli che indicano un moto dell’animo (piace, dispiace, secca, stupisce...)

Sembra che tu sia malato


Pare abbia speso molto


Bisogna che tu faccia i compiti


Mi stupisce che sia un musicista


C) condizionale quando il fatto indicato dalla soggettiva dipende da una condizione espressa o sottintesa (ovvero se la soggettiva rappresenta l’apòdosi di un periodo ipotetico)

è chiaro che verrei alla festa (se non avessi da studiare)


La proposizione soggettiva rientra nel gruppo delle proposizioni completive.

Proposizione soggettiva - scheda in formato pdf

Nessun commento:

Posta un commento