26 marzo 2012

Provvedimenti per la difesa della razza italiana



In Germania Hitler è al potere dal 1933.
Cominciano le prime leggi razziali.
Si consideri che Hitler aveva cominciato a farneticare su questo tema diversi anni prima (Mein Kampf è del 1924).
Nel 1935 è la volta, sempre in Germania, delle leggi di Norimberga.

Nel 1938, dopo l'aggressione all'Etiopia, le sanzioni della Società delle Nazioni, l'avvicinamento di Mussolini e Hitler, vennero emanate le leggi razziali in Italia.

Non fu una cosa che avvenne di nascosto. Un fenomeno che riuscì ad attecchire perché non c'era nessuno che ne fosse a conoscenza e potesse quindi intervenire. Il Corriere della sera titolava, ad esempio, in occasione di una delle pagine più vergognose della nostra storia, Il  Gran Consiglio presieduto dal Duce prende una serie di vitali decisioni per la difesa della razza.

Questo regio decreto viene preceduto, di poco, dal Manifesto della Razza e dall'uscita del primo numero della rivista La difesa della razza.

***


REGIO DECRETO
LEGGE n. 1728
17 Novembre 1938
PROVVEDIMENTI PER LA DIFESA DELLA RAZZA ITALIANA
[...]

Capo I - Provvedimenti relativi ai matrimoni

Articolo 1.

Il matrimonio del cittadino italiano di razza ariana con persona appartenente ad altra razza è proibito. Il matrimonio celebrato in contrasto con tale divieto è nullo.


[...]

Articolo 5.

L'ufficiale dello stato civile, richiesto di pubblicazioni di matrimonio, è obbligato ad accertare, indipendentemente dalle dichiarazioni delle parti, la razza e lo stato di cittadinanza di entrambi i richiedenti.

[...]

Capo II - Degli appartenenti alla razza ebraica

Articolo 8.

Agli effetti di legge:

a) È di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se appartenga a religione diversa da quella ebraica;

b) È considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori di cui uno di razza ebraica e l'altro di nazionalità straniera;

c) È considerato di razza ebraica colui che è nato da madre di razza ebraica qualora sia ignoto il padre;

[…]

Articolo 10.

I cittadini italiani di razza ebraica non possono:

a) prestare servizio militare in pace e in guerra;

b) esercitare l'ufficio di tutore o curatore di minori o di incapaci non appartenenti alla razza ebraica

c) essere proprietari o gestori, a qualsiasi titolo, di aziende dichiarate interessanti la difesa della Nazione [...] e di aziende di qualunque natura che impieghino cento o più persone, né avere di dette aziende la direzione [...];

d) essere proprietari di terreni che, in complesso, abbiano un estimo superiore a lire cinquemila;

e) essere proprietari di fabbricati urbani che, in complesso, abbiano un imponibile superiore a lire ventimila.

Articolo 11.

Il genitore di razza ebraica può essere privato della patria potestà sui figli che appartengono a religione diversa da quella ebraica, qualora risulti che egli impartisca ad essi una educazione non corrispondente ai loro principi religiosi o ai fini nazionali.

Articolo 12.

Gli appartenenti alla razza ebraica non possono avere alle proprie dipendenze, in qualità di domestici, cittadini italiani di razza ariana. [...]

Articolo 13.

Non possono avere alle proprie dipendenze persone appartenenti alla razza ebraica:

a) le Amministrazioni civili e militari dello Stato;
[...]

c) le Amministrazioni delle Province, dei Comuni [...];

g) le Amministrazioni delle banche di interesse nazionale;

h) le Amministrazioni delle imprese private di assicurazione.

[...]

Articolo 17.

È vietato agli ebrei stranieri di fissare stabile dimora nel Regno, in Libia e nei Possedimenti dell'Egeo.

Capo III - Disposizioni transitorie e finali

[...]

Articolo 23.

Le concessioni di cittadinanza italiana comunque fatte ad ebrei stranieri posteriormente al 1° Gennaio 1919 si intendono ad ogni effetto revocate.

[…]

Articolo 28.

È abrogata ogni disposizione contraria o, comunque, incompatibile con quella del presente decreto.

[…]

Dato a Roma, addì 17 Novembre 1938 - XVII

Vittorio Emanuele, Mussolini, Ciano, Solmi, De Revel, Lantini

5 commenti:

  1. [...] Sempre su questo blog si possono trovare materiali sui provvedimenti presi dal regime di Mussolini per la difesa della razza nella scuola e, più in generale, sulle leggi razziali. [...]

    RispondiElimina
  2. […] si ricordi che l’esperienza da cui si usciva era quella di un regime che aveva prodotto le leggi razziali e il Manifesto della razza e permeava di propaganda anche la vita scolastica dei più […]

    RispondiElimina
  3. […] si ricordi che l’esperienza da cui si usciva era quella di un regime che aveva prodotto le leggi razziali e il Manifesto della razza e permeava di propaganda anche la vita scolastica dei più […]

    RispondiElimina
  4. […] essere utile dare un’occhiata a questo post sulle leggi razziali in Italia o a questo sui provvedimenti per la difesa della razza nella […]

    RispondiElimina